CASA 40
CASA Gritto
CODA DI RONDINE modulo
COMMSONG' coffee table
Concorso Nazionale - Complesso scolastico - Pragranda S. Mauro Torinese
KHOR-LO lampada ecosostenibile
ORCA85
ORCA85 pozzetto
ORCA85 profilo
PRECARIA libreria-mobile/tv SALONE DEL MOBILE - MILANO 2016
PRECARIA libreria-mobile/tv particolari SALONE DEL MOBILE - MILANO 2016
SHOWROOM-BACAZAR
TUNA32
TUNA32 interni
ZERO PACCATO tavolo

“ Voglio parlare della differenza tra forma e progetto,della realizzazione,degli aspetti misurabili e non misurabili del nostro lavoro e dei limiti del nostro lavoro. Giotto da grande artista ha dipinto il cielo nero in pieno giorno e ha dipinto uccelli che non possono volare, cani che non possono correre e uomini più grandi delle porte,perché era un pittore. Un pittore ha questa prerogativa. Non ha il dovere di ubbidire ai problemi della gravità, né di rappresentare le immagini così come le vediamo nella vita reale. Come pittore, egli esprime una reazione di fronte alla natura,attraverso i suoi occhi e le sue reazioni,ci ammaestra sulla natura dell’uomo. Anche lo scultore è uno che modifica lo spazio con oggetti che esprimono le sue reazioni di fronte alla natura. Egli non crea lo spazio. Modifica lo spazio. Un architetto crea lo spazio. L’architettura ha dei limiti. Quando tocchiamo i muri invisibili dei suoi limiti,allora ne sappiamo di più su ciò che vi è racchiuso. Un pittore può dipingere le ruote di un cannone quadrate per esprimere la futilità della guerra. Uno scultore può scolpire le medesime ruote quadrate. Ma un architetto deve usare ruote circolari. Anche se la pittura e la scultura giocano uno splendido ruolo nel campo dell’architettura,così come l’architettura gioca uno splendido ruolo nei campi della pittura e della scultura,esse non ubbidiscono alla medesima disciplina. Si potrebbe dire che l’architettura è la meditata creazioni di spazi. Non si tratta di ricoprire le superfici stabilite dal cliente. Si tratta di creare spazi che evochino la sensazione della funzione appropriata.”                                                                  

                                                                                                                                                                                                                        Louis I. Khan